GDPR, pubblicato il Decreto di armonizzazione: tutte le novità nel corso di formazione del 25 Ottobre

GDPR, pubblicato il Decreto di armonizzazione:

tutte le novità nel corso di formazione del 25 Ottobre

Il 4 Settembre 2018 è stato finalmente pubblicato in gazzetta ufficiale il tanto atteso Decreto Legislativo (D.Lgs 101/2018) entrato ufficialmente in vigore dallo scorso 19 settembre, finalizzato ad “armonizzare” la normativa italiana in tema di protezione dei dati personali con il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.

Tale Decreto si è di fatto limitato ad emendare solo parzialmente il Codice della Privacy Italiano, l’ormai noto D.Lgs 196/2003, il quale resta quindi tuttora vigente, insieme ed in affiancamento al Regolamento Europeo 2016/679.

Il decreto legislativo 101/2018 interviene in diverse e cruciali aree, dal trattamento dei dati particolari (sensibili, giudiziari, genetici e biometrici) ai diritti dei minori e dei defunti, dalla disciplina dei codici di deontologia e buona condotta di cui al Codice Privacy, alla ridefinizione delle norme penali a supporto del corretto adempimento degli obblighi derivanti dalla materia.
Sarà compito del Garante, nei prossimi mesi, dare indicazioni specifiche e introdurre meccanismi di semplificazione per le micro, piccole e medie imprese, con riferimento agli obblighi del Titolare del Trattamento.

Tutte le Organizzazioni sono pertanto tenute ad aggiornare la gestione della loro documentazione privacy a seguito delle novità introdotte dal D.Lgs 101/2018.

Lo Studio Amorini, al fine di chiarire e condividere i singoli punti della nuova norma, ha organizzato per il prossimo 25 ottobre un INCONTRO FORMATIVO c/o la Sede di Assocamuna: l’obiettivo principale sarà quello di fornire uno schema conciso e sintetico delle conferme e novità introdotte con il D. Lgs 101/2018, analizzando il testo definitivo del “nuovo” Codice Privacy.

Cliccando i link seguenti potete consultare la locandina del corso per ulteriori dettagli e il modulo di adesione al corso.

Modulo di iscrizione

Locandina del corso

NOVITÀ IN TEMA DI TRASPARENZA E ANTICORRUZIONE PER FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI DI DIRITTO PRIVATO

NOVITÀ IN TEMA DI TRASPARENZA E ANTICORRUZIONE

PER FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI DI DIRITTO PRIVATO

Premessa
Il D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013, normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza, è stato esteso a fondazioni e associazioni di diritto privato, a seguito di successive integrazioni e modifiche legislative (tra le quali in particolare il D.lgs. n. 97/2016 e le Linee guida Anac n° 1134/2017).

Cliccando al link a seguire potete consultare uno schema riepilogativo delle due casistiche previste dal D.Lgs 33/2013 e i principali adempimenti.

Schema riepilogativo adempimenti in materia di trasparenza e anticorruzione

 

 

SCONTO INAIL CON MODELLO OT24

SCONTO INAIL CON MODELLO OT24

(ANNO 2019)

Anche quest’anno INAIL ha pubblicato il nuovo Modello OT/24, rivolto a tutte le aziende operative da almeno un biennio, che hanno adottato nell’anno 2018 interventi migliorativi per le condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa (D.Lgs 81/2008).

I TASSI

La riduzione del tasso è riconosciuta in misura fissa pari al:

APPLICABILITÀ

La riduzione, riconosciuta a tutte le imprese, ha effetto per l’anno 2019 ed è applicata in sede di regolazione del premio assicurativo dovuto per lo stesso anno.

MODALITA’ DI ACCESSO ALLA RIDUZIONE

Per poter accedere alla riduzione è necessario aver effettuato gli interventi indicati nel modello OT 24 (scaricabile sul sito INAIL) tali che la somma dei loro punteggi sia pari/superiore a 100.

Le aziende che, nel corso del 2018, hanno semplicemente curato l’esatto adempimento degli obblighi di legge previsti dal D.Lgs 81/08, pur essendo perfettamente in regola, non hanno la possibilità di richiedere la riduzione del premio INAIL.

Le aziende che hanno investito nella sicurezza del lavoro, elevando il livello di prevenzione ben oltre il minimo di legge, possono richiedere lo sconto (sempre che gli interventi totalizzino un punteggio pari/superiore a 100).

Per le ragioni anzidette occorre valutare bene se effettuare la richiesta in quanto questa comporta la concreta possibilità di essere sottoposti a verifica ispettiva in relazione a quanto dichiarato.

I SISTEMI DI GESTIONE PREMIANTI

Il modello OT 24 evidenzia l’importanza degli interventi di carattere generale mirati all’implementazione o mantenimento di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

I Sistemi di gestione che consentono di ottenere la riduzione del premio annuo INAIL (100 punti) sono:

  • A-1 Sistemi di Gestione per la Sicurezza certificati secondo la norma OHSAS 18001 o UNI ISO 45001:2018;
  • A-3 Sistemi di Gestione per la Sicurezza NON certificati secondo la norma OHSAS 18001 o UNI ISO 45001:2018;
  • A-4 Modello organizzativo e gestionale di cui all’art. 30 del D. Lgs. 81/08 secondo le procedure semplificate di cui al D.M. 13/02/2014;
  • B-3 Modelli di Responsabilità Sociale basati sulla UNI ISO 26000:2010, Sistemi di Gestione della SSL (OHSAS 18001, UNI ISO 45001 e Linee Guida UNI INAIL), e altri sistemi di gestione (ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015).

Altri interventi che contribuiscono all’ottenimento della riduzione del premio annuo INAIL:

  • A-9 Sistema di Responsabilità Sociale certificato secondo la norma SA 8000 (70 punti)
  • C-4 Procedure per la gestione dei quasi infortuni (da 20 a 60 punti)
  • C-5 Procedure per la selezione dei fornitori con criteri sulla salute e sicurezza (80 punti)
  • C-6 Procedure per la gestione dei quasi infortuni degli appaltatori e dei subappaltatori all’interno dei luoghi di lavoro su cui l’azienda stessa ha disponibilità giuridica ( Da 30 a 50 punti);
  • C-7 Procedure per la verifica dell’efficacia della formazione in materia di salute e sicurezza (50 punti)

TERMINE DI PRESENTAZIONE

Il modello OT 24 deve essere presentato ad INAIL entro il 28 febbraio 2019 unitamente alla documentazione probante richiesta dall’Istituto.

Il provvedimento di accoglimento o di rigetto della domanda, debitamente motivato, è comunicato al Datore di lavoro con Posta Elettronica Certificata entro 120 giorni dalla data di presentazione della domanda.

 

AVVERTENZA

Ribadiamo che tutti gli interventi devono essere adottati entro il 31/12/2018, pertanto invitiamo le aziende interessate ad attivarsi fin da subito nella loro attuazione.


Le imprese interessate alla realizzazione dei sistemi di gestione indicati, o che intendono conseguire uno degli interventi che permettono la riduzione del premio annuo INAIL, possono contattarci al numero 0364.538077 o scrivendo a info@studioamorini.it.

CORSO 5 GIUGNO 2018: IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

CORSO 5 GIUGNO 2018:

IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

A grande richiesta abbiamo il piacere di segnalarle che in data 5 Giugno 2018 abbiamo organizzato, presso Assocamuna, un corso di formazione sulla tematica privacy ed il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati.
Il corso, tenuto da docenti qualificati, ha una durata di 8 ore, e prevede un approccio operativo con esercitazioni in aula.

Per ulteriori dettagli, cliccando ai link a seguire, potete consultare Locandina del corso e Modulo di adesione.

Locandina corso GDPR privacy

Modulo adesione corso GDPR privacy

Lo Studio Amorini si rende disponibile per una consulenza in merito all’aggiornamento di tutta la vostra documentazione privacy ai sensi del nuovo Regolamento Europeo 2016/679.

Per chiarimenti ed informazioni aggiuntive non esitate a contattarci!

CORSO 7 MAGGIO 2018: IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

CORSO  7 MAGGIO 2018:

IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

 

A grande richiesta abbiamo il piacere di segnalarvi che in data 7 Maggio 2018 abbiamo organizzato, presso Assocamuna, un corso di formazione sulla tematica privacy ed il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati.
Il corso, tenuto da docenti qualificati, ha una durata di 8 ore e prevede un approccio operativo con esercitazioni in aula.

Per ulteriori dettagli, cliccando ai link a seguire, potete consultare Locandina del corso e Modulo di adesione.

Locandina Corso

Modulo di adesione corso

REGOLAMENTO PRIVACY E UNI EN ISO 9001:2015: QUALI SINERGIE

REGOLAMENTO PRIVACY E UNI EN ISO 9001:2015:

QUALI SINERGIE

 

Dal 25 maggio 2018 tutte le organizzazioni avranno l’obbligo di adempiere alle prescrizioni contenute nel Nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy (Reg. UE 2016/679), la cui struttura risulta compatibile con i Sistemi Organizzativi UNI EN ISO 9001:2015.

Entrambe le norme attuano un approccio Risk Based Thinking che presume, documentando le scelte intraprese, di identificare i fattori di rischio, verificandone i livelli di esposizione e di gestirli attraverso misure e controlli idonei a minimizzarne gli effetti negativi e massimizzarne le opportunità, innalzando il livello di tutela dell’organizzazione.

COSA CI CHIEDE LA ISO 9001?

…E SE VEDESSIMO IL REG. UE 2016/679 IN QUESTO MODO?

PUNTI DI CORRELAZIONE

CONCLUSIONI:

Le aziende in possesso di un Sistema Organizzativo ISO 9001:2015 sono avvantaggiate nel recepimento del nuovo Regolamento Privacy, in quanto sono già in possesso di uno strumento operativo basato sul metodo PDCA: Plan-Do-Check-Act, utile per integrare efficacemente la nuova documentazione di Sistema Privacy.

INCENTIVI INAIL PER LA SICUREZZA

INCENTIVI INAIL PER LA SICUREZZA

 

Anche per quest’anno l’INAIL ha pubblicato il Bando ISI, prevedendo finanziamenti alle imprese che realizzano progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, stanziando Euro 36.822.477 per la Regione Lombardia.

L’incentivo, è costituito da un contributo a fondo perduto pari al 65% dei costi ammessi, tra i quali rientrano:

  • l’adozione di Sistemi di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro (SGSL);
  • l’ottenimento della certificazione OHSAS 18001, ricomprendendo sia i costi di consulenza che quelli dell’organismo di certificazione;
  • Adozione di modelli organizzativi e gestionali ex D.lgs. 231/01 conformi all’art. 30 del D.lgs. 81/2008 e anche secondo le procedure semplificate di cui al DM 13/2/2014;
  • Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000;

TERMINI DI PRESENTAZIONE

Le domande telematiche possono essere inserite dal 19 Aprile al 31 Maggio 2018 previa registrazione sul portale INAIL e ottenimento delle credenziali per i servizi on line.

Studio Amorini S.a.s. è a disposizione per assistervi in tutte le fasi del progetto: studio fattibilità, presentazione della domanda, realizzazione dei progetti indicati e rendicontazione finale.

LE PARTI INTERESSATE NELLE NUOVE NORME ISO 9001 e 14001 del 2015

LE PARTI INTERESSATE

NELLE NUOVE NORME ISO 9001 e 14001del 2015

CHI SONO LE PARTI INTERESSATE (o STAKEHOLDER) ? partiamo dalla definizione:

“Persona od organizzazione che può influenzare o essere influenzata, da una decisione o attività”

PERCHÉ È IMPORTANTE INDIVIDUARLEE COMPRENDERNE LE ESIGENZE ED ASPETTATIVE? (rif. ISO 9001, par. 4.2)

  • Perché possono influenzare significativamente la capacità dell’organizzazione di fornire prodotti e servizi in grado di soddisfare le richieste (requisiti)dei clienti e le normative applicabili;
  • Per anticipare i bisogni correnti e futuri;
  • Per identificare opportunità di miglioramento e di innovazione;
  • Per individuare e gestire i Rischi sul business aziendale.

Il numero degli Stakeholder di un’azienda dipendono da vari fattori quali: il settore, il mercato in cui l’azienda opera, la posizione geografica, la cultura e le dimensioni; ma di questisolo quelli che influenzano concretamente il business aziendale devono essere individuati !

 

IL CONCETTO DI ENGAGEMENT: “COINVOLGIMENTO e CURA” DELLE PARTI INTERESSATE

Ricerche dimostrano che una cooperazione attiva con gli stakeholder permette in media un aumento del 50% del valore netto dell’azienda. Infatti, sviluppare relazioni con i propri stakeholder può portare molti vantaggi per la crescita aziendale soprattutto in termini di: gestione del rischio, innovazione, sviluppo, analisi delle dinamiche delmercato e capacità di problem solving.

Il coinvolgimento degli stakeholderpuò avvenire in molti modi, ad esempio attraverso: riunioni, conferenze, comitati consultivi, tavole rotonde, questionari on-line e concorsi di idee mirati a sondare le esigenze proprie dei soggetti interpellati.

Quanto sopra si consolida attraverso la comunicazione, momenti di monitoraggio e condivisione del know-how, degli obiettivi comuni e dei risultati conseguiti, l’apertura al dialogo ed all’ascolto(a tutti i livelli dell’organizzazione).

SCHEMA DI ANALISI DI PARTI INTERESSATE E LORO ASPETTATIVE

Concludendo, l’analisi delle Parti Interessate:

  • È parte integrante dell’analisi del Contesto dell’Organizzazione;
  • deve essere un’attività sistematica e continuativa nel tempo;
  • sono prese in considerazione nella valutazione dei rischi, in termini di minacce e opportunità;
  • costituisce un importante elemento in ingresso per il Riesame della Direzione;
  • le norme non richiedono una procedura documentata né la conservazione di tali informazioni; tuttavia, documentare le aspettative degli stakholder rappresenta un primo passo importante per il miglioramento dell’azienda e per condurre un management review efficace.

NUOVA ISO 45001: NORMA PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI

NUOVA ISO 45001

NORMA PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI

In data odierna è stato emesso il Final Draft della norma ISO 45001 Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza dei lavoratori, la pubblicazione è prevista per marzo 2018.

I principali cambiamenti introdotti rispetto all’attuale BS OHSAS 18001:2007 sono:

  • Sistematica individuazione di problematiche interne ed esterne, delle necessità ed aspettative dei lavoratori e di altre Parti Interessate, per comprendere i fattori di influenza più rilevanti per il sistema di gestione.
  • Leadership e coinvolgimento del lavoratore con specifica enfasi sui processi di partecipazione e consultazione dei vertici di un’Organizzazione.
  • Il Risk Based Thinking’ (approccio basato sul rischio) come base del Sistema di gestione. Un maggior focus sugli obiettivi, come incentivo per i miglioramenti, e sulla programmazione necessaria per raggiungere gli obiettivi prefissati.
  • Requisiti ampliati per comunicazione interna ed esterna, che includono la necessità di determinare cosa, come e quando informare e comunicare.
  • Un maggior impegno nel controllo dei cambiamenti delle forniture, degli appaltatori e dei processi di outsourcing.
  • Maggior enfasi sulla valutazione delle performance.
  • Enfasi sulle procedure di preparazione e risposta alle emergenze.
  • Una nuova clausola collegata al processo di miglioramento continuo.

Come tutti gli standard di recente pubblicazione (ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015), la ISO 45001 sarà allineata all’High Level Structure (HLS) con requisiti comuni, facilitando le organizzazioni nel processo di implementazione e integrazione dello standard con gli altri Sistemi di Gestione, Qualità e Ambiente in particolare.