LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015

 

A fine 2015 è stata emessa la NUOVA UNI EN ISO 9001:2015 relativa ai Sistemi di Gestione per la Qualità. Le aziende hanno tempo entro settembre 2018 per adeguare il proprio Sistema Organizzativo ai nuovi requisiti introdotti anche se la maggioranza affronteranno il passaggio già quest’anno in occasione dell’audit periodico dell’Ente di Certificazione (rinnovo o sorveglianza).

COSA CAMBIA NEL SISTEMA DI GESTIONE?

I principali cambiamenti rispetto alla UNI EN ISO 9001:2008, riguardano

  • L’invito ad uscire dai confini mediante un’ANALISI DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO: la determinazione da parte dell’Organizzazione dei fattori esterni e interni rilevanti per le sue finalità e indirizzi strategici e che influenzano la sua capacità di conseguire i risultati attesi per il proprio Sistema di Gestione per la Qualità.
  • L’attenzione spinta verso il cliente, si affianca verso altri soggetti: LE PARTI INTERESSATE (dipendenti, fornitori, azionisti, collettività, ecc.). Ciò permette all’impresa di ottenere un quadro completo sulla sua posizione competitiva, di prendere decisioni strategiche, di stabilire i comportamenti e atteggiamenti da adottare nei confronti di queste forze.
  • Il RISK BASED THINKING: l’incertezza associata al raggiungimento degli obiettivi. Questo è un invito a non dare per scontato il conseguimento di un risultato, ma interrogarsi sui possibili ostacoli e re
    lative conseguenze sul business, sui processi, sull’organizzazione, ecc.
  • LA DOCUMENTAZIONE: è prevista una maggiore flessibilità per le aziende, che sono libere di scegliere la profondità e il dettaglio che intendono utilizzare per la loro documentazione, scelta che può essere effettuata in base a vari fattori quali: i rischi legati al processo, la complessità degli stessi, la competenza del personale, etc.
  • La revisione introduce una STRUTTURA DI ALTO “LIVELLO: messa a punto per essere utilizzata come base comune per tutti gli altri standard, migliorando la compatibilità e l’integrazione con gli altri schemi certificativi.
  • Enfasi sulle PERSONE: per l’Organizzazione è essenziale che tutte le persone siano competenti, responsabilizzate ed impegnate nel produrre valore.
  • Rimozione delle Azioni Preventive e maggiore attenzione sull’ EFFICIENZA DEI PROCESSI: il miglioramento continuo e l’attuazione di azioni di miglioramento diventano attività proprie del Sistema di Gestione Qualità.
  • Un maggior coinvolgimento del TOP MANAGEMENT: la nuova norma richiede che il Management dimostri il proprio impegno verso il Sistema di Gestione per la Qualità, che deve convergere, senza sovrapporsi, al Sistema di Gestione dell’organizzazione.
  • Una più immediata applicabilità al SETTORE TERZIARIO.

I PRINCIPALI VANTAGGI PER L’ORGANIZZAZIONE

1) Un miglioramento nella gestione e razionalizzazione dei processi interni;

2) Processi già definiti in caso di Change Management;

3) Miglioramento dell’immagine aziendale verso gli stakeholder;

4) Agevolazioni all’accesso alle gare d’appalto e nuove opportunità di mercato.

 

Studio Amorini, specializzato nella consulenza per la certificazione dei Sistemi di Gestione aziendali, resta a disposizione per supportare la Vostra organizzazione negli adeguamenti necessari richiesti dalla nuova norma.

 

 


Per informazioni o approfondimenti potete contattarci al numero 0364.538077 o scrivendo a:

info@studioamorini.it